ceramica-e-arte3

09 Mar “Ceramica è Arte”: sabato ad Arte e Storia la presentazione del libro di Luciano Marziano

 

ceramica-e-arte2

 

A chiudere gli eventi per il centenario della S.T.A.S., altri due momenti di grande spessore culturale che si terranno a partire dalle ore 17,30 di sabato 11 marzo, nella Sala Sacchetti di Palazzo dei Priori. Aprirà la serata, la presentazione del libro di Luciano Marziano, “Ceramica è Arte”, raccolta di testi e recensioni sulla produzione ceramica contemporanea dello storico e critico d’arte siciliano.

Il libro curato da Giovanni Mirulla, direttore della rivista “La Ceramica Moderna e Antica”, di cui Luciano Marziano era tra i collaboratori, è già stato presentato in occasione di Argillà Italia a Faenza e a Deruta, tappa umbra di Keramikos 2016. Interverrà Claudia Casali, direttrice del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza.

Per riprendere il dialogo aperto la scorsa settimana con l’inaugurazione della mostra “Etruscu-ludens. Origini, trasformazioni e mutamenti” fino al 29 marzo all’Auditorium S. Pancrazio, seguirà una tavola rotonda che si interroga sugli esiti passati e futuri dell’Etruscu ludens, laboratorio polivalente istituito sul posto, alla fine degli anni ’60 del secolo scorso, da un grande personaggio come Sebastian Echaurren Matta anche lui, straniero che fece di Tarquinia la meta del suo continuo peregrinare. Il progetto di Matta appare ancora oggi attualissimo ponendosi come possibilità alternativa allo sviluppo e al progresso territoriale dalla forte vocazione artistica e artigianale.

Prenderanno parte alla tavola rotonda, oltre a Giovanni Mirulla e Claudia Casali, Mariano Apa docente di Storia dell’Arte Moderna e Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e Storia dell’Arte Sacra Moderna e Contemporanea presso il romano Pontificio Ateneo S. Anselmo, Jasmine Pignatelli artista, critica d’arte e art player, Lorenzo Fiorucci critico d’arte che ha curato la mostra allestita presso l’Auditorium S. Pancrazio e alcuni dei testimoni di quell’esperienza, da Maurizio Brunori coautore del volume “Matta. Dialogo con Tarquinia” a Bruno Elisei, artefice dell’Autoapocalipse di Matta.

No Comments

Post A Comment